Frammenti di (Pier)Pioggia

Pensieri e parole alla ricerca di un'identità

giovedì, febbraio 08, 2007

Lettera al padre

Caro babbo,
è passato molto tempo dall’ultima volta che ti ho scritto una lettera; quella era anche la prima volta, il 10 febbraio 2004 poco prima di venire a prenderti all’ospedale… per l’ultima volta.
Primo e ultimo, inizio e fine.
Loro ci sono sempre.
Come cantava Guccini e poi i Nomadi (forse ti ricordi che li ascoltavo spesso) la morte e la vita non cambiano mai.
Qualche giorno prima eri deluso per il fatto che i medici dell’ospedale (tra i quali quello che non aveva capito niente di ciò che stava succedendo al tuo cuore) non ti lasciassero tornare a casa per vedere il posticipo serale Torino – Bari. Nella lettera di allora ti avevo raccontato anche di quella partita, mi rendo conto che non avesse senso ma era forse l’inconscio vizio assurdo di attaccarsi alle cose terrene superstiti, come per cercare un po’ di presenza rassicurante e tenersela stretta. Mi è tornato in mente che Torino – Bari è stata anche l’ultima partita che abbiamo visto insieme allo stadio, era l’ormai lontano 1995. Ma non voglio perdermi nella ricerca di coincidenze o del tempo perduto, le cose andate sono andate e dove sei tu adesso il tempo probabilmente non ha alcun significato.
Io lavoro ancora dove sapevi tu, adesso ho più responsabilità addosso ma credo che saresti contento di questo. Ricordo ancora come lo eri quando ho ottenuto lo scatto di anzianità, così come ricordo di come aspettavi la mia laurea, la cura con la quale abbiamo scelto il posto dove incorniciarla, insieme alla foto della proclamazione.
Avevi ragione tu, se continuavo a vedere quella ragazza che abitava un po’ lontano un motivo c’era eccome, però mio malgrado avevo ragione anch’io a dire che quella storia non sarebbe mai andata oltre. A proposito, ho perso anche lei, in un tiepido pomeriggio di ottobre dello stesso anno. Lei però se n’è andata per scelta, prendendo un'altra strada.
Se mi guardo indietro niente sembra essere cambiato davvero, purtroppo; ciò che mi mancava 3 anni fa mi manca ancora oggi. Anzi, da allora mi mancano anche altri 3 anni.
Ma non ti volevo certo scrivere solo per renderti triste, anche se questi giorni sono sempre un pò così.
Volevo dirti che ripensando a quei giorni, mi viene in mente il tuo provare lo stesso a sorridere e soprattutto la tua capacità di reagire dopo i vari ricoveri.
Sei o sette ricoveri, non ricordo bene.
Dopo qualche giorno a casa eri già lo stesso di prima. Io non se avevi mai paura dell’insorgere di una nuova crisi, però se fosse stato così non me sono mai accorto. E sono sicuro che ci tenevi a non farmelo capire.
Credo che senza scalare montagne o fare giri del mondo tu mi abbia lasciato un messaggio speciale che si chiama voglia di vivere, voglia di continuare.
Attraverso cose semplici, come il saper apprezzare e assaporare i dettagli di tutti i giorni.
Per questo ti dico Grazie, Papà.
Ti voglio bene...

35 Comments:

Anonymous angioletto79 said...

mi hai fatto commuovere ... :°(

è verò sono già passati tre anni!

Purtroppo la vita ha poche certezze ... e la morte è una di queste!

Cavolo però potevi ricordarmelo... oggi avrei evitato di dirti certe cose! Intendiamoci ... te l'avrei detto lo stesso ma avrei aspettato un attimo!!!!!

TVB PIER!!!!

09 febbraio, 2007 14:14  
Anonymous angioletto79 said...

mi hai fatto commuovere ... :°(

è verò sono già passati tre anni!

Purtroppo la vita ha poche certezze ... e la morte è una di queste!

Cavolo però potevi ricordarmelo... oggi avrei evitato di dirti certe cose! Intendiamoci ... te l'avrei detto lo stesso ma avrei aspettato un attimo!!!!!

TVB PIER!!!!

09 febbraio, 2007 14:14  
Blogger Pier said...

Sì, sono 3 anni oggi...
Le cose mi hai detto invece mi hanno fatto piacere, davvero. Ti ringrazio per la delicatezza che avresti usato, ma non ti preoccupare, veramente! In fondo non mi hai mica detto niente di male!
Apprezzo sempre la schiettezza, è l'ipocrisa invece che non sopporto, così come il falso buonismo.
Ripeto, grazie ancora.
Di cuore.
E' chiaro che ti voglio un bene dell'anima anch'io...

09 febbraio, 2007 14:33  
Blogger danDapit said...

Eeh, Pier...
sono sincera: è da ieri che mi affaccio, e torno indietro.
Temevo di leggere.
Ora mi sono fatta coraggio e mi sono inoltrata.

Ho sentito il cuore che tirava da tutte le parti. Le tue parole pulsano come se fosse ancora il presente.

Molte cose mi hanno attraversato nei pensieri, anche ricordare le immagini di quei giorni di febbraio 2004, ed altre associazioni vicine.

Ho trovato giusto che parlaste di cose terrene e quotidiane: la vita resta vita finchè è qui!
E' molto bello questo legame che ci sarà sempre. Questo dialogo interiore fatto di condivisione...

Ti abbraccio forte, perchè avrei solo voluto stringerti in un abbraccio appena sono giunta in fondo...Un forte stretto abbraccio....

09 febbraio, 2007 23:07  
Blogger Pier said...

DanDapit: Non riesco a non vedere uno scorcio di vita quando parli di parole che pulsano.
Finchè si è qui la vita deve essere vissuta, dopo... chissà cosa sarà ma non credo finisca tutto qui.
Le tue parole vibrano di condivisione, così credo di avere percepito il tuo abbraccio stretto e in particolare il suo senso di protezione. Di questo e delle tue parole ti ringrazio vivamente...

10 febbraio, 2007 20:32  
Blogger danDapit said...

Ritorno:
"non riesci a non vedere uno scorcio di vita quando parlo di parole che pulsano"-

Certo!
Certo che è vita quella con cui tu scrivi la lettera al padre...è passato e presente, è qui, e pulsa, allora come ora.
Pulsa insieme alle emozioni che salgono dalle righe, e coinvolgono.

che volevi dirmi?
Qualcosa mi sfugge, come se cogliessi una contraddizione...

Ma sono tornata per altro:
"dopo...chissà cosa sarà, ma non credo finisca tutto qui"-
Per questo sono tornata, per dirti che no, non finisce tutto qui!
Lo pensavo anche da bambina... Finchè non ho conosciuto la filosofia buddista e ho scoperto di aver sempre saputo che la vita non finisce con la morte... è solo un sonno, per poi tornare. ...E a volte si torna anche laddove c'è il legame, che resterà di vita in vita...
Una legge della vita è l' "impermanenza", ma, come hai nominato tu sul commento che hai postato da me, ciò che fa fronte all'impermanenza è:
la trasformazione-
un bacio

10 febbraio, 2007 22:54  
Blogger lucia said...

Caro Pier,
ho già cancellato quattro volte il mio commento. Ti lascio solo un timido sorriso e un abbraccio tremante.


PS L'ha scattata lui la foto con la chitarra?

11 febbraio, 2007 04:03  
Anonymous flipper said...

.. è la prima volta che ti leggo... e mi hai commosso...

un abbraccio





flipper

11 febbraio, 2007 16:08  
Anonymous flipper said...

flipper

11 febbraio, 2007 16:13  
Blogger Pier said...

DanDapit: Ciò che volevo dirti è proprio quello che ti ho scritto sul tuo blog.
Sai che sei la prima buddista che conosco di persona? Anche il mio credo, di ispirazione cattolica, è quello che la vita non finisce per sempre con la morte, ma appunto si trasforma in qualcosa che qui non possiamo comprendere appieno. C'è una frase bellissima (non so di chi) che dice «Quello che il bruco chiama fine del mondo, il resto del mondo chiama farfalla»...
Grazie Daniela per i tuoi passaggi e per i tuoi commenti!

Lucia: Perchè hai cancellato 4 volte il tuo commento? Sarei curioso di sapere che avevi scritto...
Però in fondo mi basta l'immagine che hai dipinto in quel raggio di sorriso timido (io l'avrei immaginato fragile) accompagnato dall'abbraccio tremante...

Flipper: Benvenuto/a! Io sono un appassionato di flipper, magari questo non c'entra nulla col tuo nick, ma cmq adesso dò un'occhiata al tuo blog.
Grazie per il tuo commento, semplice ma sentito. A presto!
Spero di riuscire a farti sorridere la prossima volta che mi leggerai!

11 febbraio, 2007 21:30  
Anonymous Duss said...

No comment!
Complimenti, io non sono mai stato capace di scriverne una simile per il mio!
Sono sicuro che è molto fiero di te!

12 febbraio, 2007 10:33  
Anonymous flipper said...

..sai cosa penso di te?

che le persone che vengono qui, che ti leggono, che ti scrivono, ti vogliano un bene dell'anima...

questa è una cosa molto bella, sai?
chissà se un giorno capiterà anche a me!

buona giornata!

12 febbraio, 2007 11:15  
Blogger sonia said...

Sei dolcissimo!:)

12 febbraio, 2007 13:16  
Blogger Pier said...

Duss: Grazie per le tua parole, mi basterebbe sapere che il babbo sia contento di me...
Scusa la domanda, forse non ho capito bene la tua frase, ma allora anche tuo padre se n'è andato?

Flipper: Beh, grazie davvero... Io ci spero che mi vogliano bene, perchè anch'io ne voglio a loro...
E naturalmente lo auguro anche a te, pur essendo sicuro che non ti manchi gente che ti vuole molto bene...
Tra poco passo da te per lasciare un commento. Buona giornata!

Sonia: Grazie anche a te! Che in fondo sei dolcissima pure tu...

12 febbraio, 2007 13:44  
Blogger Pier said...

A tutti: Io sono certo che i miei lettori mi vogliano bene! Non avrò mai parole per ringraziarli abbastanza della loro presenza!

12 febbraio, 2007 13:46  
Anonymous Duss said...

Ebbene si, 15 anni fa!
Proprio come tuo padre ha avuto notevoli ricoveri. Era in attesa di un trapianto di cuore mai arrivato!
Ti capisco benissimo, riesco a sentire le tue sensazioni!

12 febbraio, 2007 14:13  
Blogger flipper said...

... no lui ha ragione... non lo amo piu come prima...

12 febbraio, 2007 22:38  
Blogger flipper said...

è ufficiale: ho letto tutto il tuo blo, e quasi tutti i post!

bello.. solo che nn ho capito di dove sei!
tutto qui
io abitavo in probìvincia di milano! la zona del lago maggiore è splendida ci passavo le estati nella mia tenera eta!

SUONI LA CHITARRA??? io adoro chi mi suona la chitarra...
poi sei del toro e sono altri punti in piu... spettcoloooooooooo

Buona giornata

13 febbraio, 2007 10:58  
Blogger Pier said...

Duss: mi dispiace per tuo padre, cmq nonostante i notevoli progressi fatti dalla ricerca scientifica, a leggere queste cose sembra che 15 anni non siano passati affatto...

Flipper: Se non lo ami più "come prima" la situazione si complica, ma questo non significa che sia compromessa. Serve solo un pò di sforzo in più, anche queste sono fasi che avvengono in un rapporto. Metticela tutta, così non avrai niente da rimproverare a te stessa!
Complimenti per avere resistito al mio blog per intero! :-)
Io sono lomellino, al confine con la provincia di Novara, sono chitarrista e in effetti sono del Toro (in senso sportivo ma non zodiacale)...

13 febbraio, 2007 13:23  
Anonymous Laura said...

Parole toccanti Pier. Mi hai toccato il cuore.





Ti abbraccio forte!!!

13 febbraio, 2007 15:31  
Blogger danDapit said...

Questo commento è stato eliminato dall'autore.

13 febbraio, 2007 16:24  
Blogger danDapit said...

Ciao Pier...
indecisa se lasciarti o meno questo "messaggio"...sembra che stia per lasciarlo!

Dunque, "vorrei" dirti che sto preparando un post che ha preso spunto dallo scambio del tuo precedente (ricordi?)...

Ho assemblato varie foto oggi (è quasi pronto, lo terrò solo un altro po' in incubazione...); l'ultima foto che ho aggiunto...che –non so perchè, forse perchè è l'unica in bianco e nero- volevo proprio aggiungerla senza sapere dove collocarla....infine l'ho postata come prima: in apertura!
Poi ho dato un'occhiata all'insieme...e sono rimasta basita!
Sì, perchè quella foto, mi ricorda molto la tua, cioè: la tua identificativa, che è anche sulla homepage!

Sono venuta a riguardala...no, forse non è uguale....
Non lo so, comunque te lo volevo dire nel caso tu avessi la stessa mia sensazione, per avvertirti che è "una pura coincidenza", di cui mi sono molto stupita, proprio perchè assolutamente non ricercata!
Ed è buffo...perchè il post si aprirà proprio citando il tuo nome...
Strano questo messaggio?
bè, quando pubblicherò te ne farai un'idea!
Bacio!!!
(ricorretto, sorry!)

13 febbraio, 2007 16:37  
Anonymous flipper said...

Caro PIER... ti do la buona notte e il buongiorno!

che il sole odierno possa illuminare con ogni singolo raggio ogni secondo della tua giornata..con la speranza di illuminare ogni tuo singolo sorriso...

13 febbraio, 2007 23:47  
Blogger Pier said...

Laura: Grazie... di cuore! :-) Spero di avere toccato il cuore come si deve, con delicatezza, per non disturbare il suo ritmo naturale... Un grosso abbraccio anche a te!

DanDapit: Sì, ricordo il discorso del post "ispirato"!
Però, ehm, per avere un'idea più chiara mi sa che dovrò leggere il tuo post! ;-)
Baciotti!

Flipper: A quest'ora posso solo darti il buongiorno... Quello che hai scritto è molto bello e delicato, ed io non posso che augurare che lo stesso sole riscaldi anche te...

14 febbraio, 2007 09:25  
Blogger flipper said...

figurati... è solo cio che provavo.. e ti volevo rendere partecipe, visto che riguardava te

14 febbraio, 2007 09:36  
Anonymous Anonimo said...

Anch'io come qualcun'altro.. ho cancellato il mio post non so quante volte...
ti mando un abbraccio :)
Ciao!
Arianna

17 febbraio, 2007 14:12  
Blogger Pier said...

Ciao Arianna, grazie per avere postato il tuo commento... e per il tuo abbraccio! :-)

19 febbraio, 2007 09:12  
Anonymous Anonimo said...

Quando sono triste..navigo in cerca di tristezza...ed ho trovato la tua lettera...
Io non ci riesco ad essere forte come te...
Io piango e mi dispero,il mio babbo era l'unica vera certezza della mia vita, l'unica persona che abbia mai amato veramente.
Il 29 novembre 2006 non si è svegliato, è rimasto nel suo letto..senza soffrire.
Questa è l'unica consolazione che ho.
ho un grande vuoto dentro, i ricordi si rincorrono nella mia mente insieme alla voglia di parlargli,di abbracciarlo...
Non riesco a vedere niente di bello,il mio sorriso se n'è andato con lui...
Barby '74

19 luglio, 2007 18:36  
Blogger Pier said...

Barbara: Innanzitutto benvenuta, e spero che tu torni ancora a visitare il mio blog.
Io non lo so se sono davvero così forte, di certo lo sembro quando scrivo. Però credo anche che le persone non ci abbandonano mai del tutto e soprattutto che non finisce tutto qui, su questa terra.
Qualcuno ascolta.
E ci si ritroverà tutti, prima o poi, e sarà bellissimo riabbracciarci.
Dette così sembrano parole anacronistiche, ma sento che danno un senso alla vita.
Non navigare in cerca di tristezza. Naviga solo per allontanarti da lei e andare alla ricerca del tuo sorriso.
Ti abbraccio forte...

20 luglio, 2007 10:11  
Anonymous Anonimo said...

Ti ringrazio Pier, anche se non sono sola,anche se sono circondata da persone che mi vogliono bene avevo proprio bisogno delle tue parole,forse perchè so che puoi veramente capirmi purtroppo...
Sono sicura che ci ritroveremo tutti un giorno come sono sicura che qualcuno da lassù ci ascolta...
Mi piace immaginare mio padre nella sua nuova dimora fatta solo di amore e semplicità,circondato da tutto ciò che in vità ha adorato...
Lassù dove non c'è caldo nè freddo,immerso nei suoi boschi, ai piedi dei suoi fiumi adorati...Lassù seduto su un sasso..che mangia un semplice panino...con i suoi gatti..ed i suoi cari,così,sorride...perchè questa era la vita che adorava...
Una vita semplice dove nessuno è pronto a pugnalarti alle spalle.
Ha lavorato tutta una vita...per arrivare a concedersi questo...e adesso può farlo.
Prego ogni sera che venga a trovarmi in sogno,che entri nel mio cuore e nella mia mente per darmi la sua forza,la sua saggezza e ancora...il suo amore..
Ti ringrazio per avermi ascoltata,
un abbraccio

Barbara

20 luglio, 2007 16:11  
Blogger Pier said...

Barbara: Hai scritto delle cose bellissime, per le quali oserei dire che tuo padre vive ancora dentro di te. Da come lo descrivi doveva essere una persona semplice e schietta, in grado di apprezzare le piccole meraviglie della quotidianità.
Credo che la sua forza e la sua saggezza non siano difficili da trovare perchè mi sembra che anche quelle siano già ben presenti dentro di te.
Un abbraccio...

20 luglio, 2007 17:03  
Anonymous Anonimo said...

Pier: Hai ragione lui vive ancora dentro di me,nel mio cuore e nella mia mente.
E' presente nel mio sguardo e nel mio sorriso perchè gli assomiglio molto.
Era una persona fantastica ed altruista.
Mi accorgo,quando parlo con persone che lui conosceva,che lo vedono ancora in me.
Che dire....decisamente non reggerò il confronto!!
Ma adesso basta..cercherò di essere più positiva almeno per il week end...domani vado al mare e cecherò di rilassarmi!!!
Buon fine

20 luglio, 2007 17:23  
Blogger Pier said...

Barbara: Giusto, relax meritato!
Buon we anche a te!
p.s. puoi passare ancora e commentare altri post! :-)

20 luglio, 2007 17:26  
Anonymous Anonimo said...

ok!!
Un abbraccio...e un grazie di nuovo

20 luglio, 2007 17:29  
Blogger Pier said...

Figurati!
...ci sono anche altri post! :-)

23 luglio, 2007 20:48  

Posta un commento

<< Home