Frammenti di (Pier)Pioggia

Pensieri e parole alla ricerca di un'identità

mercoledì, febbraio 14, 2007

San Singolino

Per quelli come me, questo è quantomeno un giorno come un altro.
Non ho niente da festeggiare e a dirla tutta sono anche nauseato dello stucchevole bombardamento mediatico che circonda questa festa.
Insomma, tutto questo lo vedo come uno suonare a spartito, non so se mi spiego...
Ma comunque...
Quello che voglio lasciare (che contraddizione, "lasciare" proprio in questo giorno) è questa specie di dedica scritta da Massimo Gramellini il 14 febbraio 2003 sul quotidiano torinese La Stampa.


Dedicato ai cuori solitari per scelta. Altrui.


Quelli che sono stati appena lasciati e non ci stanno.
Quelli che ci starebbero anche, se solo trovassero qualcun altro disposto a stare con loro.
Quelli che fanno gli innamorati di riserva e da svariate festività aspettano che lui/lei lasci il titolare.
Quelli che «io dall’amore non mi aspetto più niente», ma sperano ancora di aver detto una bugia.
Quelli che non sanno che sapore ha un bacio, o non se lo ricordano più, e oggi mangeranno troppi cioccolatini.
Quelli che se lo ricordano benissimo e mangeranno troppi cioccolatini lo stesso.
Quelli che «ma come cantava Baglioni, strada facendo troverai anche tu un gancio in mezzo al cielo?»
Quelli che «ma fammi il piacere!» e alzano la testa, così, per controllare.
Quelli che la testa non la alzano più e invece gli farebbe bene.
Quelli che leggono che oggi, san Valentino martire, gli italiani spenderanno 800 milioni di euro in fiori, peluches, messaggini telefonici e cene a base di carciofi e pensano: «Dove andremo a finire?»
Quelli che vorrebbero finire proprio lì, sepolti da fiori e peluches, a scambiarsi messaggini fra i carciofi.
Quelli che «se potessi tornare indietro» o «se riuscissi ad andare avanti» e intanto intralciano il traffico.
Quelli che si sentono esclusi, sconfitti, diversi, incompresi, inadeguati: soli, eppure sono tantissimi.
Quelli che non sentono più niente e, dopo averlo rincorso invano, adesso scappano dall’amore.
Quelli che tanto l’amore prima o poi li raggiunge.

26 Comments:

Blogger flipper said...

.. caro pier... io sono fidanzata, ma nn lo vedo tutto il giorno perche lavora... anche se ieri sera mi ha regalato i baci perugina.. ma nn per la festa degli innamorati.. ma solo perche oggi è il mio onomastico. infatti il mio secondo nome è Valentina.
tu di dari, ma nn si festeggia il primo?
si, ma siccome S. Alice nn sa nessuno quando è, ho sempre festeggiato oggi! :-)

buona giornata

14 febbraio, 2007 09:43  
Anonymous angioletto79 said...

Pier, a me questa festa mi fa un baffo ... nn me ne frega nulla!!!
Un bacio e un abbraccio
Mary

sarebbe + interessante sapere perchè oggi è considerata la festa degli innamorati ... ti lascio questo compito :P

14 febbraio, 2007 10:33  
Blogger Anna said...

carinissimo l'articolo del giornalista!!! e' proprio vero quello ke scrive!
cmq era molto bella la lettera al padre, nn sono riuscita a commentarti, percio' lo faccio ora, mi sono ricordata di quella di Kafka....lunga ma da leggere...

14 febbraio, 2007 13:32  
Anonymous Duss said...

Belle cose!
Comunque non tutti sanno che San Valentino, in fondo in fondo, era single per sua scelta! :D

14 febbraio, 2007 13:36  
Blogger flipper said...

grazie

14 febbraio, 2007 14:05  
Blogger Pier said...

Flipper: Spulciando su internet ho trovato che in realtà il tuo onomastico sembra esserci, ed è il 5 febbraio:
http://it.wikipedia.org/wiki/Alice_(nome)
però non so quanto sia affidabile...
Grazie per il contatto? Prego, non c'è di che! :-)

Mary: Per eseguire il compito affibiatomi da Mary bisogna fare un breve excursus storico...
Dal IV secolo a.C. i Romani celebravano i Lupercali, ovvero i festeggiamenti in onore del dio Lupercus, protettore delle greggi.
I Lupercali si celebravano in febbraio, mese in cui ci si preparava all’arrivo della primavera, la stagione della rinascita.
All’interno dei Lupercali aveva luogo un evento molto atteso dalla gioventù romana, una vera e propria lotteria dell’amore, quasi un club privé di scambisti ante litteram!
I nomi delle donne e degli uomini devoti a Lupercus venivano mescolati in un’urna.
Quindi un bambino estraeva i nomi, formando così delle coppie casuali, che per un intero anno avrebbero vissuto in intimità per consolidare il rito della fertilità.

Valentino, vescovo di Interamna (l’odierna Terni) era stato lapidato e decapitato su ordine dell’imperatore Marco Aurelio Claudio Quintillo, in quanto univa in matrimonio cristiano giovani coppie contravvenendo al rito di Lupercus. In particolare celebrò il primo matrimonio della storia tra una giovane cristiana ed un legionario romano, e si sa che l'impero romano non lesinava nelle sue persecuzioni verso i cristiani e i vertici della loro Chiesa. Due secoli dopo la sua esecuzione, avvenuta per lapidazione e decapitazione il 14 febbraio del 270 d.C., Papa Gelasio, per sopprimere la connotazione pagana della festa, dirottò l’attenzione su San Valentino martire, sancendone il Martirologio proprio in quella data.

La Festa degli Innamorati trova sempre nella leggenda di Valentino l’usanza dei biglietti d’amore.
Pare che Valentino in attesa dell’esecuzione si innamorò della figlia del guardiano e che prima di morire le lasciò il biglietto “dal tuo Valentino”.

(fonti: wikipedia e www.leggievai.it/origine-san-valentino/)

Anna: Non sapevo che anche Kafka avesse scritto una lettera al padre, di certo la cosa mi preoccupa un pò... ;-)

Duss: In un certo senso hai ragione anche tu! :o)

14 febbraio, 2007 16:40  
Anonymous swami said...

e tu in quale frase di 'quelli che' ti riconosci?
io in questa credo 'Quelli che si sentono esclusi, sconfitti, diversi, incompresi, inadeguati: soli'

14 febbraio, 2007 20:16  
Blogger flipper said...

caro Pier...
Hai cercato il mio onomastico???
si!! è il 5!

ma l'ho scoperto anche io da poco.. solo che in pochissimi lo sappiamo.. tant'è che il mio ragazzo (che lo sapeva) se n'è dimenticato!!!!

14 febbraio, 2007 21:06  
Blogger Carmen said...

Oggi ammetto che vorrei fare un'altra professione questo desiderio mi viene due volte l'anno .... il gg di san valentino e l'otto marzo ... si ....
Vorrei fare la Fioraia .. loro si che han da festeggiare

15 febbraio, 2007 01:34  
Blogger Pier said...

Swami: credo che a tutti sia successo almeno una volta di sentirsi sconfitti o presi in giro, e qualche tossina di questa è rimasta addosso anche a me. Però per fortuna si perdono battaglie e non le guerre, si chiudono capitoli ma non l'intero libro...
Enrico Ruggeri cantava qualche anno fa "non c'è più chi vince o perde quando il tempo non vuole", insomma alla fine è soprattutto il tempo che decide. Mi sembra di capire che tu ne hai davanti ancora un bel pò ed è un vantaggio al quale non devi rinunciare. Forza Swami, dunque!
La frase in cui mi ricononsco io è
Quelli che «ma come cantava Baglioni, strada facendo troverai anche tu un gancio in mezzo al cielo?»
Quelli che «ma fammi il piacere!» e alzano la testa, così, per controllare


Flipper: Sì l'ho cercato e l'ho trovato, d'altronde si sa che chi cerca trova! :-)

Carmen: I fioristi fanno festa tutto l'anno, sia per le occasioni felici che per quelle tristi... E' una professione spesso garantita...

15 febbraio, 2007 09:23  
Blogger flipper said...

ciao PIER! innanzitutto buon giorno e buona giornata!

Se ieri era S. Valentino ( festa degli innamorati) oggi è san Faustino la festa dei single (credo) faccio una breve ricerca e ti faccio sapere.

15 febbraio, 2007 09:44  
Blogger flipper said...

... lo so, ho appena scritto.
Se vai su wikipedia e scivi S. Faustino dice cio: e' il protettore dei single!!!

avevo ragioneeeeeee

bacio

15 febbraio, 2007 09:48  
Blogger Anna said...

e perche' mai ti preoccupa la lettera al padre di Kafka? non e' molto conosciuta, e credo sia uscita postuma...povero Franz! :(

15 febbraio, 2007 09:51  
Blogger Pier said...

Flipper: innanzitutto buona giornata anche a te! Si, oggi è proprio S. Faustino...

Anna: lettera postuma? ecco un altro motivo per preoccuparmi! :-)

15 febbraio, 2007 13:23  
Anonymous swami said...

ecco... ora che hai citato Ruggeri sono tua :PP
scherzo, però lo adoro e lo ascolto da ben..mmm...18 anni:)
per quanto riguarda il tempo mi sa che ti sono sembrata più piccola di quanto in realtà sia...

15 febbraio, 2007 21:25  
Anonymous flipper said...

leggerti per me è una gioia immensa!

mi tieni compagnia e mi fai sorridere.. mi piace come scrivi. anche se ora riderai di me, penso che tu se scrivessi un libro faresti successo!

mio modesto parere... nn smettere mai di fare questo alle persone come me!

non ridere di me ti prego.

che la temperatura mite di questa notte possa aiutarti in un sonno tranquillo e sereno.

flipper

16 febbraio, 2007 00:38  
Blogger Pier said...

Swami: Ruggeri piace abbastanza anche a me, soprattutto l'album peter pan!
Non so quanti anni hai, magari sei più giovane di ciò che immagino ma non cambio la mia idea sul fatto che hai cmq una fetta di tempo e di vita importante da giocare...

Flipper: Non rido assolutamente di te, perchè mai dovrei? Mi piace leggere i tuoi commenti perchè traspare tutto quello che sei.
Per il libro... in effetti uno lo sto scrivendo, ma è disordinato come me...
La scorsa notte ho dormito molto bene, magari è proprio merito del tuo augurio! :-)

16 febbraio, 2007 22:27  
Blogger flipper said...

sono molto insicura di me...

16 febbraio, 2007 22:48  
Anonymous Anonimo said...

ciao!
mi piace un sacco leggere i tuoi post Pier!!! :)))
io... mi rivedo molto in...
anzi.. spero... che... "strada facendo troverai anche tu (io) un gancio in mezzo al cielo" :)))
Io ho festeggiato il 13 in pizzeria con una mia amica... e abbiamo rinominato il 13 febbraio come "la festa delle babbazze" :oP
Ciao ciao
Arianna.

17 febbraio, 2007 14:18  
Blogger danDapit said...

Ciao Pier!
Giungo qui in ritardo!
Il giorno di S.Singolino ho acceso per neppure un'ora il Pc, il giorno dopo ero K.O. per una birra di troppo...
Infatti il post di cui ti avevo accennato l'ho pubblicato solo ieri sera!

Però ora mi sono divertita a leggere "le origini della leggenda" di S.Valentino, pensa che proprio la sera del 14 c'è stato un ragazzo che me l'ha raccontata, con l'aggiunta che la figlia del carceriere era cieca, ma un miracolo di "Valentino" le ridonò la vista... (?)

...Bella la dedica di Massimo Gramellini su La Stampa!

E deliziosa la tua trovata su "San Singolino"!!!!

Sai con quale "identità" mi riconosco io?
Con l'ultima:
Quelli che tanto prima o poi l'amore li raggiunge"

...sono piena di speranze....
;-))

(ti aspetto da me, per il post che ti ho dedicato!)

17 febbraio, 2007 20:43  
Blogger flipper said...

sei diventato Latitante?

18 febbraio, 2007 12:34  
Blogger lucia said...

San Singolino è passato, San Valentino pure. Nel tuo elenco mancano quelli fra soppalco e realtà. Quelli che ora sono al mare.
;-)
a presto

18 febbraio, 2007 15:53  
Blogger Pier said...

Flipper: ciao e buona giornata! Come vedi non sono latitante... e da quello che ho potuto capire ti stai sottovalutando, non sei così insicura...

Arianna: A me invece fa piacere sapere che passi di qui e scrivi qualche commento. Era un pò che non ti sentivo. Sul gancio siamo dunque allineati, proviamo a tenere qualche volta il naso all'insù... Non so cosa intendi per "babbazze" ma se è sinonimo di "qualcuno che non serve" o "non serve più" dimmi dove si trova la "discarica" che vengo a raccoglierti subito! :-)

DanDapit: è bello che tu sia piena di speranze, perchè a conti fatti così la qualità della vita è migliore. E vivendo così si riesce a donare un pò di speranza anche agli altri, penso che ne abbiamo tutti bisogno di questo bene così prezioso...

Lucia: quelli tra soppalco e realtà... spero di poterli risentire presto... e magari anche vedere! ;-)

19 febbraio, 2007 09:25  
Blogger flipper said...

sei tornato latitante??? che pizza nn ci sei mai

20 febbraio, 2007 18:49  
Blogger sonia said...

Ciao Pier, un caro saluto! :)

21 febbraio, 2007 19:42  
Blogger Pier said...

Flipperina: dai un'occhiata al nuovo post...

Sonia: ma ciao carissima, bentornata! Sei in quaresima anche tu oppure sei ancora in versione signora coriandoli? :-D

21 febbraio, 2007 22:00  

Posta un commento

<< Home